Altri Artisti

GIOCOLIERI, ARTISTI DI STRADA, ACROBATI E TANTO ALTRO PER OGNI SITUAZIONE

Se cerchi:

  • giocolieri, artisti di strada, mangiafuococabarettisti,trampolieri, cantanti,statue viventi, mimi, clown e musicisti,caricaturisti;

Compila il form sottostante.

Il tuo nome (richiesto)

Il tuo cognome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Inserisci il tuo numero di telefono:

Oggetto

Il tuo messaggio


ma anche:

  • impiantied equipaggiamentiaudio-video;
  • servizi fotograficie/o photoboot realizzati da ottimi professionisti;
  • tutti i servizi accessorilegati ad un evento;

 scrivi a:

info@darus.it

Tu ci dici cosa ti serve e qual è il tuo budget, noi te lo forniamo.

Se invece sei un artista professionista che lavora con un proprio numero o repertorio e vuoi allargare il tuo mercato, scrivi a spettacoli@darus.it con oggetto: “progetto Darus” + tua specialità + città di provenienza. Sarai ricontattato per stabilire un rapporto e verificare che ci siano le condizioni per collaborare proficuamente.

Spettacoli di cabaret per matrimoni, giocolieri per manifestazioni di piazza, musicisti per feste ed eventi. parchi villaggi turistici, centri commerciali, feste private, beneficenza, expo esposizione, esposizioni fiera, fiere.

Darus è stato tra i promotori della campagna di liberalizzazione dell’arte di strada raccogliendo l’adesione di tanti colleghi. Di seguito una parte della documentazione a cui questa campagna ha dato vita:

Adesioni alla campagna di liberalizzazione dell’arte di strada

Rassegna Stampa della campagna per la liberalizzazione dell’arte di strada

La Commissione Cultura discute la proposta di LiberaPisa

Proposta di delibera Consigliare sull’arte di strada

Perché Pisa sia dichiarata “Città amica degli artisti di strada”.Adesioni:
 Altan prestigiatore, Livorno ;
 Alessandro Massini prestigiatore, Chianciano ;
 Alberto Giorgi prestigiatore, Livorno ;
 Associazione culturale “Nella Stanza” Schio, Vicenza ;
 Andrej Adramelek attore -Bologna ,
 Antonio Castiello chitarrista, Pisa
 Alfonso prestigiatore – Milano ;
 Andrea Vanni giocoliere, Lucca ;
 Associazione Club Senza Frontiere – Bologna;
 Associazione Culturale “Nella stanza” Schio, Vicenza ;
 Alessandro Garzella regista, Cascina PI ;
 Alessandro Massini prestigiatore, Chianciano ;
 Angelika Georg Teatro Schabernack, Montelaterone-GR ;
 Carlo Della Santa cabarettista, Pisa ;
 Carlo Pasquini regista, Montepulciano ;
 Centro Internazionale Formazione delle Arti, Cosenza;
 Chiara Cospito giocoliera, Bergamo ;
 Claudio Neri regista, Pisa ;
 Compagnia Buonarroti Civitavecchia;
 Corte dei Miracoli associazione magica di Livorno ;
 Cora Herrendorf Direzione Artistica Teatro Nucleo, Pontelagoscuro Ferrara ;
 Delia Trento bassista, flautista, Pisa ;
 Demetrio artista di strada, Milano ;
 Demis Prestigiatore/Animatore teatrale, Milano ;
 Elisabetta Cavana attrice-saltimbanco, Milano ;
 “Effetto Parallelo” Compagnia di teatro danza, Pisa ;
 Federazione Nazionale Artisti di Strada F.N.A.S./AGIS ;
 Florence Art Edizioni Casa Editrice ;
 Gennaro Francione giudice-drammaturgo -Bologna ;
 Flavio Desideri prestigiatore ed editore di “La Porta Magica” – Roma ;
 Florence Art Edizioni Casa Editrice ;
 Franco Farina regista, Pisa ;
 Francesco Maria Mugnai Editore e prestigiatore, Firenze ;
 Francesco prestigiatore – Milano ;
 Francesco Vanni giocoliere, Lucca ;
 Fulvio Cauteruccio attore di teatro e tv ;
 Giorgio Pacini artista di strada, Firenze ;
 Gian Luigi Pavani regista, Bologna ;
 Gabriella e Stefano Teatro del Cacao, Milano ;
 Giancarlo Cauteruccio regista, Firenze ;
 Giovanni Beani prestigiatore e owner mailing list “Il sortilegio, Viareggio;
 Gruppo “Karacongioli” compagnia di giocolieri, Lucca ;
 Giuliano Lazzerini giocoliere, Torre del Lago ;
 Il circo Musicante di Jack Bannister, Piemonte;
 Iacopo Riani prestigiatore, Lucca ;
 Laura Sicignano regista, Genova ;
 Lorenzo Soto chitarrista, Santiago del Cile ;
 Lorenzo Baronchelli artista di strada, Bergamo ;
 Luciano Donzella giornalista ;
 Ludvik prestigiatore, Bassano del Grappa ;
 Mago Darus  mentalista prestigiatore, Firenze ;
 Marco Carlaccini attore-regista, Roma ;
 Marco Cecchi vicepresidente filarmonica di Orentano ;
 Marco Varvello musicista, Pisa ;
 Mariano prestigiatore, Milano ;
 Maria Pia Cunico docente di arte dei giardini allo iuav. ;
 Maria Valeria Della Mea resp. Area della Comunicazione, Teatro Verdi di Pisa ;
 Mauro Massironi Giocoliere e prestigiatore, Milano ;
 Francesco Maria Mugnai Editore e prestigiatore, Firenze ;
 Massimiliano Schiavelli bassista degli Zen, Pisa ;
 Michele Arena coreografo, Pisa
 Michele Menciassi attore, Pontedera Pi ;
 Ombra di Peter compagnia teatrale, Pisa
 Patrizia D’Orsi attrice- regista, Roma ;
 Paolo Giommarelli attore di teatro e tv ;
 Pietro Malavenda cabarettista, Pisa ;
 Piero Pacchiarotti regista,civitavecchia
 Paolo Pierazzini regista e direttore del Teatro Lux, Pisa ;
 Pier Giorgio Varola clown ospedaliero e prestigiatore, New York ;
 Raffaele De Ritis regista, Pescara ;
 Renato Costabile Dir. Organizzativo Centro Internazionale Formazione delle Arti, Cosenza ;
 Richard illusionista, Guida magia e illusionismo di Supereva
 Roberto Giocoliere – Roma ;
 Roberto “Bob” Beccaria Il Circo Musicante di Jack Bannister, Piemonte;
 Santaniello Ercole musicista, città di Montemaggiore
 Sebastiano A. Giuffrida direttore artistico del progetto “La terra dei racconti”, Vallo di Nera, Perugia ;
 Sergio Bini Bustric attore e prestigiatore ;
 Shakespeareinpiazza Compagnia Teatrale, Bologna ;
 Silvano Loris Natante prestigiatore, Oliena Sardegna ;
 Stefano Arditi direttore del teatro Greco, Roma ;
 Stefano Mambretti pretigiatore- Milano ;
 Susy Bellucci cantante, Firenze ;
 Tony Binarelli prestigiatore -Roma ;
 Tiziano Lipman – Mago Lip prestigiatore, Ginevra ;
 Teatro del Cacao, associazione teatrale, Milano ;
 Teatro Cargo associazione teatrale, Genova
 Teatro del Tè associazione teatrale, Pisa ;
 Teatro Nucleo associazione teatrale, Ferrara ;
 Teatro Schabernack associazione teatrale Montelaterone-GR ;
 Teatro Viaggiante associazione teatrale Milano ;
 Ugo Chiti regista, Firenze ;
 Valentina Catena animatrice, Bergamo ;
 Vincenzo Cirillo attore, Pisa ;
La Commissione Cultura discute la proposta di LiberaPisa mercoledì 5 giugno 2002 Interviene il mago Darus, promotore dell’iniziativa: “è importante non sottovalutare questa arte, essa richiama molto pubblico e valorizza il territorio. Il Comune deve Liberalizzarla, e prendere iniziative per promuoverla”
L’associazione LiberaPisa, ha condotto, a partire dal dicembre 2001 una battaglia per la liberalizzazione dell’arte di strada in citta’. Quello che si chiedeva tra l’altro era un regolamento amministrativo che aggirasse in qualche modo il famigerato art. 121 del TULPS (testo unico delle leggi di pubblica sicurezza), ben noto a chi lavora in strada in quanto sulla sua base andavano effettuate le richieste di iscrizione al Registro dei Mestieri Girovaghi e le richieste di permesso per le esibizioni.
 Forte del consenso di centinaia di cittadini ed avendo organizzato due feste di strada (primo dicembre 2001 e 15-16 febbraio 2002) con partecipazioni di artisti da tutta Italia, LiberaPisa ha presentato, a norma di statuto, in Comune, una proposta di delibera comunale che dichiara Pisa “Citta’ amica degli artisti di strada” e liberalizza le esibizioni sul suo territorio. Domani, mercoledi’ 5 giugno, la proposta di delibera in oggetto, sara’ discussa dalla Commissione cultura presieduta da Titina Maccioni e presumibilmente la settimana prossima andra’ in consiglio comunale. Il mago Darus, di LiberaPisa ha dichiarato: ” In questi giorni non si fa che parlare di strutture teatrali, vecchie e nuove e molti intervengono per batter cassa, gestire fondi e chiedere ristruttuzazioni. La strada e’ un teatro continuo e dare la possibilita’ ad artisti, professionisti e non di esibirsi senza troppi vincoli da’ lustro alla nostra citta’ e non costa nulla all’amministrazione comunale.
Il 28 maggio 2001 è stato emesso il Decreto del Presidente della Repubblica n.311, successivamente pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale (serie generale) n.178 il giorno 2 agosto 2001 ed è entrato in vigore su tutto il territorio nazionale il quindicesimo giorno dopo la sua pubblicazione. In esso l’articolo 6 sottrae l’arte di strada al 121 del TULPS. La legge nazionale quindi non obbliga piu’ gli artisti alla preventiva dichiarazione all’autorità di pubblica sicurezza, in tutti i Comuni italiani era possibile richiedere un permesso temporaneo per esercitare l’Arte di Strada solo se in possesso dell’iscrizione al Registro dei Mestieri Girovaghi, rilasciata preferibilmente dal proprio Comune di residenza. In seguito al decreto si ha la semplificazione dei procedimenti relativi ad autorizzazioni per lo svolgimento di attività disciplinate dal TULPS,e si suppone che i Comuni adottino, quale conseguenza, regolamenti atti a semplificare le procedure di concessione degli spazi per lo spettacolo di strada.
Pisa, puo’ marcare il passo, approvando intanto la nostra delibera e poi formulando un regolamento che non solo non ostacoli ma anzi promuova l’espressione artistica di strada nella nostra citta’. Tutti coloro che vogliono saperne di piu’ e collaborare con noi di LiberaPisa su questa questione possono trovarci sul sito www.liberapisa.it

Proposta di delibera Consigliare Valorizzazione delle espressioni artistiche in strada

presentata da LiberaPisa

I sottoscritti cittadini pisani presentano, ai sensi dell’art. 57, comma primo dello Statuto comunale, la seguente proposta, avente come primo firmatario Dario Russo con facoltà di esporre le proprie argomentazioni in merito, presso il consiglio comunale:

Articolo 1 (Principi)
Il Comune di Pisa dichiara il proprio territorio ospitale verso le espressioni artistiche in strada.

Articolo 2 (Definizioni)
Sono considerate espressioni artistiche in strada tutte le attività proprie delle arti, svolte liberamente da artisti di strada sul suolo pubblico.

Articolo 3 (Finalità)
Il Comune di Pisa promuove l’ospitalità sul proprio territorio delle espressioni artistiche di carattere musicale, teatrale, figurativo ed espressivo nel senso più ampio e libero, esibite in strada.
Il Comune riconosce alle attività del comma 1 un ruolo di valorizzazione culturale e turistica, di incontro creativo tra le persone, di ricerca e sperimentazione di linguaggi, di scambio di proposte con vari profili culturali, di confronto di esperienze innovative, di affermazione di nuovi talenti, di rappresentazione di attività frutto di geniale ispirazione, di servizio culturale per un pubblico di ogni classe sociale, età e provenienza geografica, secondo quanto previsto dalla Costituzione, che all’articolo 33 tutela la libertà dell’arte.

Articolo 4 (Modalità)
Le attività di espressione artistica in strada vengono svolte dagli artisti, limitatamente al luogo e alla durata dell’esibizione, nel rispetto:
a) della quiete pubblica e dei limiti di legge delle emissioni sonore;

b)
 della normale circolazione stradale e pedonale;

c) 
del mantenimento del pubblico accesso agli esercizi commerciali limitrofi;

d) del mantenimento della pulizia e decoro del suolo, delle infrastrutture ed arredi presenti.

Le attività di cui al comma 1 si svolgono:

a) senza alcuna forma di pubblicità;

b) senza alcuna attività di esercizio di commercio ambulante;

c) senza alcuna richiesta di pagamento di biglietti essendo l’eventuale offerta, da parte del pubblico, libera;

d) tenendo, nello svolgimento della propria espressione artistica, comportamenti di prudenza e di perizia caratteristici del buon padre di famiglia.

Le attività di cui all’articolo 2, svolte secondo le modalità dei primi due commi del presente articolo, non sono soggette alle norme in vigore sull’occupazione del suolo pubblico e del commercio ambulante.

Articolo 5 (Competenza del comune)
Il comune entro quattro mesi dall’approvazione della presente proposta di delibera comunale indica i luoghi dove non si possono svolgere le attività di cui alla presente delibera. In caso di inerzia da parte del comune le attività di espressione artistica sono esercitate liberamente su tutto il territorio comunale nel rispetto delle norme di cui alla presente delibera. Il comune entro quattro mesi dall’approvazione della presente delibera approva un regolamento contenente le indicazioni degli orari e dei limiti acustici da rispettare, ed eventualmente, in relazione alle peculiarità dei luoghi, la descrizione delle caratteristiche delle attrezzature mobili e degli strumenti necessari per lo svolgimento delle attività. Il comune è tenuto, quando organizza iniziative con artisti di strada, a garantire spazi liberi riservati agli artisti di strada che non partecipano a tali iniziative.

top

Rassegna_Stampa

IL TIRRENO – venerdì 15 febbraio 2002
LA NAZIONE – mercoledì 5 dicembre 2001
IL TIRRENO – domenica 2 dicembre 2001
IL TIRRENO – venerdì 30 novembre 2001

venerdì 15 febbraio 2002 – IL TIRRENO

Seconda festa dell’associazione LiberaPisa

Spettacoli in Borgo con gli artisti di strada

PISA. Da tutta Italia giungeranno a Pisa per la seconda edizione della festa degli artisti di strada organizzata dall’associazione Libera Pisa, una cinquantina di artisti, tra saltimbanchi, giocolieri, mangiafuoco, madonnari, gruppi teatrali e musicali. Gli spettacoli saranno in piazza Garibaldi e passando per Borgo Stretto arriveranno a Largo Ciro Menotti proseguendo ininterrottamente dalle 15.30 fino alle 23 sia di sabato che domenica. Proprio oggi infatti averrà il deposito delle oltre 250 firme raccolte nei mesi precedenti per presentare al consiglio comunale di Pisa una proposta di delibera, avente appunto ad oggetto l’arte di strada. La proposta presentata dall’associazione LiberaPisa e sottoscritta dai cittadini pisani prevede la possibilità per i cosiddetti artisti di strada di esibirsi senza dover preventivamente chiedere e pagare il suolo pubblico.

Il mago Darus dell’associazione Libera Pisa: “Offriremo in questi due giorni alla città uno spettacolo ricco e diversificato. Ci teniamo a sottolineare che tutto questo avverrà a costo zero per l’amministrazione comunale e che gli unici finanziamenmti che arriveranno saranno quelli dei cittadini che, avendo gradito gli spettacoli, lasceranno un’offerta nei cappelli degli artisti e nelle casse dell’associazione. Scegliamo Borgo Stretto, visti i risultati positivi della Prima festa, quella dell’1 dicembre, e visto che molti dei commercianti della via hanno sottoscritto la proposta di delibera consiliare. Ci sarebbe piaciuto, ma non è stato possibile, occupare anche Piazza delle Vettovaglie, in un suggestivo saluto prima dei lavori di ristrutturazione. Vorrà dire che invece ne festeggeremo la riapertura al termine dei lavori”.

Marco Cecchi, dell’associazione LiberaPisa: “Raccolte le firme sull’arte di strada, il nostro impegno come associazione liberale, liberista e libertaria continua con la raccolta di firme su 10 proposte di legge di iniziativa popolare promosse dai radicali italiani, presso i nostri banchetti dislocati lungo la manifestazione sarà possibile firmare per questi temi: la legalizzazione della prostituzione, dell’eutanasia e delle droghe leggere, l’introduzione dell’aborto farmacologico (RU486), la riduzione di tempi di attesa per il divorzio, l’istituzione dei registri delle unioni civili, l’abolizione del concordato tra Stato e Chiesa cattolica, e dell’8 per mille per le confessioni religiose, la sburocratizzazione delle procedure per ottenere adozioni e affidamenti, la libertà di ricerca scientifica nel settore delle cellule staminali.

Insomma “liberate” le strade di Pisa da incomprensibili divieti, ci impegnamo in una campagna politica più ampia di “liberazione” del sesso, della scienza, della vita”.

topRassegna_Stampa

 

mercoledì 5 dicembre 2001 – LA NAZIONE

PISA – Otto ore di spettacoli, 270 firme di cittadini pisani e 140 di sostenitori. Il numero minimo necessario è stato superato. Questo il bilancio della festa degli artisti di strada organizzata sabato scorso in piazza Garibaldi dall’Associazione LiberaPisa. “Porteremo le firme in Consiglio comunale – spiega Marco Cecchi, presidente dell’associazione LiberaPisa – per dichiarare Pisa città amica degli artisti di strada”. “La proposta – dice Il mago Darus del Direttivo dell’associazione – prevede una modifica del regolamento sul pagamento del suolo pubblico per esonerare appunto gli artisti di strada. A costo zero per i cittadini e i commercianti abbiamo creato un evento di cultura e intrattenimento che, se il Consiglio comunale recepirà la nostra proposta, potrà essere ripetuto spontaneamente anche nei prossimi week-end. Non è un caso che tra i firmatari risultino anche molti dei titolari degli esercizi commerciali di Borgo Stretto.
“Ringraziamo – conclude Cecchi – i consiglieri comunali Bianchi, Cecchi, Tramontana e Modafferi che ci hanno aiutato nella raccolta di firme come autenticatori e che hanno già dichiarato la loro disponibilità ad appoggiare la proposta di delibera non appena depositeremo le firme”

topRassegna_Stampa

 

domenica 2 dicembre 2001 – IL TIRRENO

IERI POMERIGGIO IN CENTRO
In strada con saltimbanchi e giocolieri

PISA. Il centro cittadino come un grande palcoscenico: complice la bella giornata, dalle 15 e per tutta la serata di ieri piazza Garibaldi e Borgo Stretto hanno ospitato saltimbanchi, giocolieri e musicisti. L’iniziativa è stata organizzata da Liberapisa, associazione legata al partito radicale. Obiettivo, raccogliere firme su una proposta da presentare al Comune per promuovere l’arte di strada a Pisa. Una delibera che intende eliminare, con l’ok del consiglio comunale, i vincoli burocratici che limitano la possibilità degli artisti di esprimersi liberamente.
Così, mentre Liberapisa raccoglieva le firme nel gazebo di piazza Garibaldi, la zona circostante si è trasformata, come il Covent Garden a Londra, il Beauburg a Parigi o il Graben a Vienna, in un caleidoscopio di performance coloratissime, con decine di artisti di strada arrivati da mezza Italia.

Solo un assaggio di quella che potrebbe diventare un’attrazione turistica per chi visita la nostra città.

topRassegna_Stampa

 

venerdì 30 novembre 2001 – IL TIRRENO

Domani la città palcoscenico per saltimbanchi e prestigiatori
di Rosamaria Ciannella

PISA. Domani Pisa vivrà un pomeriggio di festa. Dalle 15 alle 23 piazza Garibaldi e Borgo Stretto diventeranno un inedito palcoscenico a cielo aperto per saltimbanchi, giocolieri, prestigiatori e musicisti. Scopo dell’iniziativa organizzata da Liberapisa, un associazione legata al partito radicale, è la raccolta di firme su una proposta da presentare al Comune perpromuovere l’arte di strada nella nostra città. La delibera, che per esserediscussa in consiglio comunale deve raggiungere le 150 firme, vuole infatti eliminare tutti quei vincoli burocratici che limitano la possibilità degli artisti di esprimersi liberamente. Hanno dato il loro appoggio all’iniziativa Verdi e alcuni consiglieri comunali che saranno presenti per autenticare le firme nel gazebo allestito per l’occasione da Liberapisa in piazza Garibaldi. “Liberalizzare l’arte di strada – spiega Marco Cecchi – presidente di Liberapisa – significa valorizzare la città, dai monumenti al commercio, perché la presenza di artisti invita la gente a venire a Pisa e a fermarsi in centro”. E non solo. “Se, come ci auguriamo, Pisa diventerà un centro di artisti da strada – aggiunge Il mago Darus del direttivo dell’associazione – la nostra città diventerà un’attrattiva a costo zero”.
Plaude all’iniziativa il regista Paolo Pierazzini: “Speriamo che Pisa diventi una delle tappe fondamentali degli artisti di strada – dice il regista – proponendo per il prossimo appuntamento piazza Santa Caterina per valorizzare uno dei punti più attraenti della città. “Creare eventi artistici in strada – aggiunge il regista che è anche presidente dell’associazione Cinema teatro Lux – è molto importante perché riesce ad attrarre un pubblico che di solito non va a teatro”. Intanto l’iniziativa ha raccolto un grande entusiasmo che ha contagiato un passaparola via e-mail musicisti, giocolieri, associazioni teatrali e registi di tutta Italia.

Il mago Darus dell’associazione Libera Pisa: “Offriremo in questi due giorni alla città uno spettacolo ricco e diversificato. Ci teniamo a sottolineare che tutto questo avverrà a costo zero per l’amministrazione comunale e che gli unici finanziamenmti che arriveranno saranno quelli dei cittadini che, avendo gradito gli spettacoli, lasceranno un’offerta nei cappelli degli artisti e nelle casse dell’associazione. Scegliamo Borgo Stretto, visti i risultati positivi della Prima festa, quella dell’1 dicembre, e visto che molti dei commercianti della via hanno sottoscritto la proposta di delibera consiliare. Ci sarebbe piaciuto, ma non è stato possibile, occupare anche Piazza delle Vettovaglie, in un suggestivo saluto prima dei lavori di ristrutturazione. Vorrà dire che invece ne festeggeremo la riapertura al termine dei lavori”.

Marco Cecchi, dell’associazione LiberaPisa: “Raccolte le firme sull’arte di strada, il nostro impegno come associazione liberale, liberista e libertaria continua con la raccolta di firme su 10 proposte di legge di iniziativa popolare promosse dai radicali italiani, presso i nostri banchetti dislocati lungo la manifestazione sarà possibile firmare per questi temi: la legalizzazione della prostituzione, dell’eutanasia e delle droghe leggere, l’introduzione dell’aborto farmacologico (RU486), la riduzione di tempi di attesa per il divorzio, l’istituzione dei registri delle unioni civili, l’abolizione del concordato tra Stato e Chiesa cattolica, e dell’8 per mille per le confessioni religiose, la sburocratizzazione delle procedure per ottenere adozioni e affidamenti, la libertà di ricerca scientifica nel settore delle cellule staminali.

Insomma “liberate” le strade di Pisa da incomprensibili divieti, ci impegnamo in una campagna politica più ampia di “liberazione” del sesso, della scienza, della vita”.

topRassegna_Stampa

mercoledì 5 dicembre 2001 – LA NAZIONE

PISA – Otto ore di spettacoli, 270 firme di cittadini pisani e 140 di sostenitori. Il numero minimo necessario è stato superato. Questo il bilancio della festa degli artisti di strada organizzata sabato scorso in piazza Garibaldi dall’Associazione LiberaPisa. “Porteremo le firme in Consiglio comunale – spiega Marco Cecchi, presidente dell’associazione LiberaPisa – per dichiarare Pisa città amica degli artisti di strada”. “La proposta – dice Il mago Darus del Direttivo dell’associazione – prevede una modifica del regolamento sul pagamento del suolo pubblico per esonerare appunto gli artisti di strada. A costo zero per i cittadini e i commercianti abbiamo creato un evento di cultura e intrattenimento che, se il Consiglio comunale recepirà la nostra proposta, potrà essere ripetuto spontaneamente anche nei prossimi week-end. Non è un caso che tra i firmatari risultino anche molti dei titolari degli esercizi commerciali di Borgo Stretto.
“Ringraziamo – conclude Cecchi – i consiglieri comunali Bianchi, Cecchi, Tramontana e Modafferi che ci hanno aiutato nella raccolta di firme come autenticatori e che hanno già dichiarato la loro disponibilità ad appoggiare la proposta di delibera non appena depositeremo le firme”

topRassegna_Stampa

domenica 2 dicembre 2001 – IL TIRRENO

IERI POMERIGGIO IN CENTRO
In strada con saltimbanchi e giocolieri

PISA. Il centro cittadino come un grande palcoscenico: complice la bella giornata, dalle 15 e per tutta la serata di ieri piazza Garibaldi e Borgo Stretto hanno ospitato saltimbanchi, giocolieri e musicisti. L’iniziativa è stata organizzata da Liberapisa, associazione legata al partito radicale. Obiettivo, raccogliere firme su una proposta da presentare al Comune per promuovere l’arte di strada a Pisa. Una delibera che intende eliminare, con l’ok del consiglio comunale, i vincoli burocratici che limitano la possibilità degli artisti di esprimersi liberamente.
Così, mentre Liberapisa raccoglieva le firme nel gazebo di piazza Garibaldi, la zona circostante si è trasformata, come il Covent Garden a Londra, il Beauburg a Parigi o il Graben a Vienna, in un caleidoscopio di performance coloratissime, con decine di artisti di strada arrivati da mezza Italia.

Solo un assaggio di quella che potrebbe diventare un’attrazione turistica per chi visita la nostra città.

topRassegna_Stampa

venerdì 30 novembre 2001 – IL TIRRENO

Domani la città palcoscenico per saltimbanchi e prestigiatori
di Rosamaria Ciannella

PISA. Domani Pisa vivrà un pomeriggio di festa. Dalle 15 alle 23 piazza Garibaldi e Borgo Stretto diventeranno un inedito palcoscenico a cielo aperto per saltimbanchi, giocolieri, prestigiatori e musicisti. Scopo dell’iniziativa organizzata da Liberapisa, un associazione legata al partito radicale, è la raccolta di firme su una proposta da presentare al Comune perpromuovere l’arte di strada nella nostra città. La delibera, che per esserediscussa in consiglio comunale deve raggiungere le 150 firme, vuole infatti eliminare tutti quei vincoli burocratici che limitano la possibilità degli artisti di esprimersi liberamente. Hanno dato il loro appoggio all’iniziativa Verdi e alcuni consiglieri comunali che saranno presenti per autenticare le firme nel gazebo allestito per l’occasione da Liberapisa in piazza Garibaldi. “Liberalizzare l’arte di strada – spiega Marco Cecchi – presidente di Liberapisa – significa valorizzare la città, dai monumenti al commercio, perché la presenza di artisti invita la gente a venire a Pisa e a fermarsi in centro”. E non solo. “Se, come ci auguriamo, Pisa diventerà un centro di artisti da strada – aggiunge Il mago Darus del direttivo dell’associazione – la nostra città diventerà un’attrattiva a costo zero”.
Plaude all’iniziativa il regista Paolo Pierazzini: “Speriamo che Pisa diventi una delle tappe fondamentali degli artisti di strada – dice il regista – proponendo per il prossimo appuntamento piazza Santa Caterina per valorizzare uno dei punti più attraenti della città. “Creare eventi artistici in strada – aggiunge il regista che è anche presidente dell’associazione Cinema teatro Lux – è molto importante perché riesce ad attrarre un pubblico che di solito non va a teatro”. Intanto l’iniziativa ha raccolto un grande entusiasmo che ha contagiato un passaparola via e-mail musicisti, giocolieri, associazioni teatrali e registi di tutta Italia.

topRassegna_Stampa

 

Contact Us

We're not around right now. But you can send us an email and we'll get back to you, asap.